bon ton

Bon Ton: non si dovrebbe mai dire...

venerdì, novembre 25, 2011

Vi sono alcune parole o formule che sono entrate ampiamente nel parlar comune ma che il Galateo aborre. L’etichetta andrebbe a mio avviso sempre conosciuta, poi delego alla discrezione di ognuno se applicarla o meno.

Ecco a voi le frasi-orrore del Galateo:
Non si dovrebbe mai dire
  • “SALVE”, è il saluto che m’innervosisce di più e per cui mi sono più battuta (i miei poveri conoscenti lo sanno), un saluto approssimativo che ha anche un connotato fascista. “Buongiorno” e “Buonasera” sono perfetti sostituti.
  • “SALUTE”, quando qualcuno starnutisce.
  • “CIN CIN”, al momento del brindisi.
  • “BUON APPETITO”
  • “PIACERE”, al momento delle presentazioni: non lo sapete ancora se sarà un piacere, basterà un bel sorriso e ripetere il vostro nome (si sa che è tremendamente difficile ricordare un nome la prima volta)
Ricordarsi sempre che un gentiluomo ed una gentildonna son tali soprattutto quando sanno mettere le persone a proprio agio: qualora qualcuno pronunciasse queste parole non si guarderà sdegnati con aria snob ma si farà finta di nulla. Soprattutto in previsione di sontuosi pranzi natalizi, evitate di infliggere lezioncine di Bon Ton ai poveri vecchi zii.
Ed ora voglio sapere da voi cipriarétroiste.. quale sono le formule che vi scappano di più?

You Might Also Like

16 commenti

  1. Buongiorno Marti! :)
    Premesso che trovo questa parte del Galateo un po' antiquata e anacronistica (soprattutto riscontrando la maleducazione dilagante che imperversa nelle strade e nei luoghi pubblici al giorno d'oggi), personalmente mi comporto così:
    - "Salve" personalmente lo trovo un saluto "neutro". Lo riservo a chi vuole insistentemente che gli venga dato del Tu (quando io invece voglio continuare a dargli del Lei);
    - "Salute" spesso mi scappa, soprattutto nei confronti di amici e parenti;
    - Al momento del brindisi taccio e guardo l'altro negli occhi (invece di dire "Cin Cin");
    - "Buon Appetito" spesso lo sento dire (non sono io a dirlo per prima);
    - Al posto di dire "Piacere" porgo la mano sorridendo :)
    Sono promossa con la sufficienza oppure sono rimandata a settembre? :)))

    RispondiElimina
  2. uh mamma, e qui casca l'asino...
    Dunque...
    SALVE ammetto che lo uso un po' per timidezza, anche io a volte non voglio dare del LEI perchè mi sembra di voler mantenere le distanze, ma nemmeno del TU, allora opto per questo saluto che in effetti sa di poco, anche a me non piace molto quando me lo rivolgono.
    SALUTE non sempre ma a volte lo dico, retaggio dell'infanzia, prima di dicono che si dice, poi ceh non si dice...
    CIN CIN raramente, solo se lo dicono gli altri e sempre nei brindisi collettivi, in due di solito si sfiorano i bicchieri e al limite un brindisi personalizzato a seconda del momento...
    BUON APPETITO mai!
    PIACERE mai, solo "ciao" o "buongiorno" ripetendo il mio nome.

    Mi autorimando :(

    RispondiElimina
  3. Oh mamma, questo post mi fa tremare (bocciata in quasi tutto e per tutto), ma ne farò senz'altro tesoro!
    Il problema che mi viene alla mente è: rispettare queste regole di galateo, di fronte ad un'altra persona che non ne è a conoscenza, non può far passare noi per scortesi e maleducati? Non sono mai io ad augurare un Buon Appetito, ma se gli altri lo fanno, risposto un garbato "grazie altrettanto"!
    Un caro saluto
    Silvia

    RispondiElimina
  4. Bonjour!
    sarà sincera, ma a me ste frasi mi sembrano solo frasi da buona educazione, non mi sembrano così orride!
    Le ho sempre sentite dire, per cui ho tutti son maleducati o tutti sbagliano, non so.
    e poi dovrei dare retta a un libro scritto nel 1500 dove vigevano usi e costumi diversi da quelli odierni?
    Poi son curiosa.percé "Salute" ha una connotazione facista?
    anche "salute" dopo los tarnuto io ho sempre pensato che fosse segno di educazione dirlo.
    "cin-cin" nn mi capita mai, ma nemmeno quello mi sembra orrido.
    "buon appetito" lo dico e non mi sento affatto maleducata: per me è augurare un buon pranzo/cena.
    Piacere é vero che non sai se sarà un piacere, ma anche questo mi sembra slo segno di educazione.
    Poi va bè se secondo le regole scritte nel 1500 fa di me, una maleducata, pasienza.

    RispondiElimina
  5. Buongiorno a tutte!
    In effetti trovo sensate le perplessità espresse da alcune di voi: se per alcuni queste espressioni sono, paradossalmente, segno di "buona educazione", alla fine le persone maleducate potremmo essere noi ai loro occhi, noi che non auguriamo "buon appetito", che non stringiamo calorosamente la mano ricambiando il "piacere" di chi, magari, sembra davvero felice di fare la nostra conoscenza, ecc... Trovo che qui abbia ragione Martina: è saggio adeguarsi al contesto ed alle circostanze, magari anche per non rischiare di passare per sussiegose e superbe; dopotutto nessuno è perfetto... Capita a tutti di "scivolare", magari anche a chi scrive libri di Bon Ton... Dopotutto, il Galateo nasce in primis dal buon senso e dalla volontà di essere gradevoli e graditi agli altri.
    Esempio banale: in una pizzeria voi posizionereste le posate verticalmente, al centro del vostro piatto, per significare che avete finito ed il cameriere può portar via? A me sembra davvero troppo... Ok, adesso uccidetemi per quanto ho detto, tanto sono comunque felice perché riesco di nuovo a commentare! :D Fino a poco fa, blogspot non mi faceva fare un bel nulla!

    RispondiElimina
  6. Ciao Martina.
    Saluto sempre col "buongiorno" perchè lo trovo incoraggiante e gentile. Il "buon appetito" scappa spesso e anche il "salute" dopo uno starnuto. "Cin cin" non lo dico, ma faccio sempre scontrare delicatamente il mio bicchiere con quello di chi sta bevendo con me.

    Il tuo Blog è bello. E' un piacere per gli occhi.
    Vieni a trovarmi se vuoi. Mi farebbe piacere.

    RispondiElimina
  7. Ciao Martina,

    ho scoperto il tuo blog navigando in internet, alla ricerca di immagini vintage.

    Vedo che ci accomunano diversi interessi, soprattuto ciò che è d' altri tempi, buone maniere comprese :)
    Ti seguirò con vero piacere :)

    Buona giornata
    Laura

    RispondiElimina
  8. Care tutte,
    vi unisco in una risposta collettiva per semplificare le cose.
    Innanzitutto, come avete visto già dal titolo del post, ho utilizzato il condizionale: "non si dovrebbe mai dire.."; non si parla di divieti, ma di suggerimenti. Non credo che chi utilizzi queste espressioni si possa additare come "maleducato". L'etichetta ci riferisce un modello a cui tendere: i manuali di galateo raccontano un'epoca e danno suggerimenti, proprio per questo non è assolutamente vero che siano rimasti invariati dalla prima edizione cinquecentesca di Della Casa; un esempio è l'apparecchiatura.. non troverete più (ad eccezione forse di qualche pomposo hotel barocco) lo stesso schema di allora, il galateo segue il tempo, nei nuovi manuali proliferano consigli che sono validi proprio a partire dalla nostra era (galateo di internet e nell'uso di cellulare..etc).
    Trovo auspicabile poi, che ognuno nutra l'interesse di sapere l'etimologia delle parole e che non le ripeta a "pappagallo" semplicemente perchè tutti lo fanno. "Salve" non è grammaticalmente scorretto, ma è un saluto sbrigativo che potrebbe essere paragonato al "pronto" telefonico. Per chi non vuole utilizzare il "ciao" troppo informale in certi contesti, può dire, come già scritto "buongiorno" o "buonasera" riscaldati da un bel sorriso e magari dal nome della persona con cui stiamo parlando. A Butterfly che mi chiedeva della connotazione fascista: "Salve, o popolo d'eroi" ti dice nulla?
    Spero d'essere stata abbastanza esaustiva. ;)

    ps- Benvenute Dany e Laura! Verrò a trovarvi anche nelle vostre dimore ;)

    RispondiElimina
  9. Suvvia, ancorchè ci sfuggisse un motto un pò usato, non cale l'affanno, un sorriso cordiale aggiusta tutto (o quasi)

    RispondiElimina
  10. Ma si, assolutamente esaustiva...
    in effetti conoscere le cose è sempre buona norma,
    poi ci si comporta come meglio si crede e mettere a proprio agio, o quanto meno tentare di farlo, il nostro interlocutore è sempre fondamentale e di buon gusto, a mio parere è la prima regola di buona educazione, poi tutto il resto.... :-)
    Un caro saluto
    Silvia

    RispondiElimina
  11. Sono appena approdata in questo bellissimo ed elegante blog. Complimenti per i temi dei vari post..me li sto' letteralmente divorando. Tres tres chic.
    A presto. Alice

    RispondiElimina
  12. Scusatemi il ritardo!
    ♥ Annita, il sorriso cordiale abbiam stabilito che è sempre riparatore ;)

    ♥ Silvia, mettere a proprio agio chi abbiamo di fronte è sempre la prima regola :)

    ♥ Alice, benvenuta! Lieta che il mio salottino sia di tuo gradimento ;)

    RispondiElimina
  13. A proposito, ma il galateo prevede che si facciano tintinnare i bicchieri?
    Credo proprio di no, anche perchè anticamente, ma ancora oggi se di cristallo, i bicchieri erano piuttosto costosi....
    Che mi dici al proposito?

    RispondiElimina
  14. Purtroppo, uso spesso "salve" come saluto, ma senza sapere che non si dovrebbe usare, mi ha sempre dato una strana sensazione. Io cerco di comportarmi nel miglior modo possibile, ma mi rendo conto di fare alcuni errori. Grazie

    RispondiElimina
  15. Giusto, comunque secondo me, chi nel 2016 quarda ancora queste sciocchezze dovrebbe riflettere sui veri problemi della vita, ricordo che la maggior parte della gente vuole la concretezza, esempio, puoi avere tutto il bon ton che vuoi, ma se l'intrlocutore vuole farti una supercazzola sempre una supercazzola è, capito! sveglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo, sono assolutamente d'accordo. Motivo per cui il galateo è stato abbandonato da molti anni in questo blog.
      Siamo sveglissimi.
      buona giornata
      M.

      Elimina