Audrey Hepburn

10 capi basici per l'Inverno

sabato, dicembre 03, 2011

La vera eleganza non necessita di conti a tanti zeri ma corre sui binari della fantasia e della sobrietà insieme, alla ricerca di un equilibrio unico per un risultato davvero inconfondibile. Per diventar maestri nell’arte dell’assemblaggio è necessario, tuttavia, poter contare su una struttura solida di capi basici. Ho stilato per voi la lista dei miei 10 capi immancabili nel guardaroba invernale:

1) Pantaloni neri a sigaretta- Possibilmente in lana o in velluto per stare più caldi. S’accompagnano con facilità a qualsiasi capo di maglieria, inoltre stanno bene con stivali, stivaletti, francesine e con le decolleté per la sera.

2) Cardigan- Sceglietelo di pura lana, morbido ed avvolgente, possibilmente lungo: oltre a riscaldarvi di più ha un effetto visivo allungante immediato. Nero, blu, beige, avorio, grigio sono i grandi colori classici. Perfetto con i pantaloni, diventa molto femminile con un vestitino con calze coprenti.


3) Blusa- la amo decisamente più della classica camicia. E’ più sofisticata, elegantissima se in seta o in raso di seta. Sinceratene d’averne almeno un paio, una di tonalità chiara ed una scura, da abbinare ai vostri cardigan. Allure vintage? Sceglietela con chiusura a fiocco stile vittoriano. Romanticismo puro? Volant e ruches. Essenziali? Modello liscio con scollo a barchetta.


4) Stivali neri alla cavallerizza- quando la temperatura scende sono necessari, soprattutto se dovete camminare molto. Trattateli con amore: puliteli con un panno morbido e le apposite creme per il pellame, adottando, nel caso, anche un lucido antipioggia (se volete farli durare più a lungo evitate d’indossarli nei giorni di pioggia intensa, optando piuttosto per un paio di stivali antipioggia in gomma, oggigiorno ne fanno modelli sempre più chic).


5) Cappotto- Un signore capospalla non può mancare. Non fatevi tentare dal basso costo, sceglietelo d’ottima fattura perché deve durare nel tempo. In lana bouclé o fantasia dissimula meglio polvere e pelucchi ma non deve essere una scusa per non ripulirlo regolarmente con le apposite spazzole. Deve valorizzarvi al massimo quindi sceglietelo adatto alla vostra fisionomia. Il mio preferito? La redingote.


6) Tubino- Un tubino ben sagomato non dovrebbe mai mancare, se vi dicono che è passato di moda non badate: gli accessori giusti sanno modernizzare anche i tubini più antichi. Io ne posseggo una mini collezione vintage originali degli anni 50 e 60: se ne trovate in buone condizioni o avete la fortuna, come me, di trovarli nuovi d’epoca, non esitate. Gli abiti d’oggi non sono più foderati così bene e non hanno quella qualità, neppure i marchi più prestigiosi. In cady di seta sono eterni ed elegantissimi.


7) Canottiere intime chic- Come fare senza, in inverno? Banditi i modelli della nonna informi: i dettagli rétro saranno da ricercarsi nelle finiture, nei pizzi , nei merletti o nelle piccole applicazioni. Perfettamente aderenti per far scivolare bene il capo sopra, saranno coordinate cromaticamente all’intimo che indossate. Le più pratiche sono senza dubbio quelle in lycra, le più sensuali in seta profilate in pizzo.



8) Pashmine- Guanti e cappello- Le pashime sono da preferirsi In cashmere e seta, una coccola da portare sempre con voi e da impregnare del vostro profumo. Sceglietele abbastanza ampie di modo da poterle drappeggiare sul decolleté dolcemente, o da poterle indossare a scialle nei luoghi più freddi. Dettaglio rétro? Una spilla particolare che fissi la struttura che avete deciso di dare. Guanti e cappello saranno possibilmente en pendant. Sul cappello potrei scrivere centinaia di post e ancora non essere esaustiva, tuttavia, in generale, possiamo dire che almeno una classica cuffia in lana è indispensabile. Le parigine non potranno fare a meno del leggendario basco. I guanti possono essere in lana o in pelle. Nel secondo caso sconsiglio quelli di pelle nera almeno che non abbiano un dettaglio frivolo (se sono lineari a me ricordano tanto quelli da serial killer..), io ne posseggo un paio lunghi fino al gomito in pelle viola, da vera diva.



9) Decolleté nere- Per una cena speciale, un evento, un teatro.. un paio di scarpe eleganti nere in versione invernale vi salvano in molti occasioni. Non devono per forza essere le classiche decolleté, io ho un paio di pep toe nere in camoscio con plateau che sono versatilissime, sceglietele però senza troppi vezzi di modo che lascino l'abito in primo piano. (Se invece volete rendere la scarpe protagoniste ben venga un m0dello particolare, ma se è il primo paio o l'unico che terrete nella vostra scarpiera sarebbe meglio un modello più semplice).

10) Borsa in pelle colorata- Niente loghi a vista (volgarissimi) né borse da “hit”. Una cipriarétroista non avrà mai al braccio una borsa strapopolare o palesemente riconoscibile. Molto meglio optare per marchi medi di qualità o, ancor di più, di un bravo artigiano. Per l’inverno trovo che siano bellissime le borse in pelle colorate: blu, rosso, viola, beige, verde.. hanno la capacità di risvegliare i capi scuri e dare personalità all’insieme.

Mie care cipriarétroiste, volete raccontarmi le colonne portanti del vostro guardaroba invernale?

Immagini:1- 2- 3- 4 - 5- 6- 7- 8- 9- 10.

You Might Also Like

14 commenti

  1. Ciao carissima, che bel post! Ottime indicazioni, io le ho messe in pratica già da un bel po', i colori base su capi base, quelli che indichi tu, si crea uno stile con poche cose ben scelte, per le scarpe invece, un mio debole, a volte scelgo fogge un po' particolari perché credo possano valorizzare un insieme quando risultasse un tantino monotono...Vado a punzecchiare un po', buon fine settimana! Magu. L'ago fatato di Magu.blogspot.com

    RispondiElimina
  2. 10 capi fantastici, irrinunciabili, che amo dal primo all'ultimo, anche se ammetto di non averli proprio tutti...o non così perfetti, ma ci sto lavorando da qualche tempo! Semplici e senza tempo. E quanto amo questa piccola chicca "Niente loghi a vista (volgarissimi) né borse da “hit” che farei valere non solo per le borse ma per qualunque capo od accessorio!
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  3. Post interessantissimo !!! Da molto tempo ,seleziono costantemente il mio armadio ,onde evitare accumuli inutili..l'ultimo raid fatto proprio ierisera!
    Dunque ,come te ,ho diversi tubini neri in lana e crepè ,uno grigio,uno verde smeraldo in raso (il verde mi stà decisamente bene ) .Poi ,ho alcuni abitini in maglia grigi,neri e tortora .
    Pantaloni neri e jeans scuri ,un pantalone in raso color taupe e uno testa di moro . Maglie monocromo: nere,grigie,cioccolato,taupe,rosa cipria. Cappotti in maglia e cardigan. Di camicie ne ho diverse sia bianche che nere e alcune bluse in seta color avorio con ruches e volants (non le metto spesso ,ma mi piacciono moltissimo ) .Sciarpine e stole non mancano .Non ho cappeli,perchè non mi stanno proprio bene,non porto i guanti e neanche i stivali altissimi e lunghi (la mia statura non lo consente ! )
    Le borse (sono il mio lavoro ! ;) ) ma personalmente porto : una sacca in nappa nera morbida,una sacca bianca in nappa per l'estate,un bauletto in cuoio color cognac invecchiato (datato,ma bellissimo proprio per questo ),una Kelly in cocco verde bosco ,una shopping due manici in nabuk marrone scuro .Poi ,specie in estate ,mi sbizzarisco anche con borse in jeans o più spiritose.

    Da tempo ,stò cercando una borsa grande rossa ...dato il mio lavoro ne vedo tante,ma non ho ancora trovato quella giusta ! Ahimè ,ognuno soffre del suo mestiere !! ;)
    Ecco la mia lsta !! Buon sbato ! Susy

    RispondiElimina
  4. Marti, che bel post... molto interessante il tuo Decalogo di Stile per l'inverno!
    Voglio commentare punto per punto per non dimenticare nulla:
    Punto 1) Adoro i pantaloni a sigaretta neri (sono molto versatili). Li indosso con ballerine particolari o décolleté in camoscio.
    Punto 2) I miei cardigan lunghi sono declinati prevalentemente nei toni del nero e del testa di moro.
    Punto 3) Anche io preferisco le bluse alle camicie, ma non è facile trovarne di davvero belle.
    Punto 4) Gli stivali alla cavallerizza sono il mio cruccio... non riesco a trovare il modello che fa per me, avendo le caviglie molto sottili e i polpacci dalla muscolatura importante :(
    Punto 5) Il cappotto è un capo davvero indispensabile per le uscite eleganti e formali. Il mio Valentino Red (di colore nero) quest'anno è stato "rinnovato" da un morbido collo in ocelot, rigorosamente vintage! :)
    Punto 6) Il tubino nero è un capo passepartout sempre attuale. Il modello longuette con scollo profondo a V è il mio preferito :)
    Punto 7) Alle canottiere intime preferisco di gran lunga i bustier e i body eleganti... magari con qualche dettaglio in pizzo noir ;)
    Punto 8) Le pashmine calde e avvolgenti sono un must del mio guardaroba (chi mi conosce di persona lo sa ;)
    Non ci crederai ma i guanti in pelle mi piacciono proprio neri e rivestiti da morbido cashmere e non indosso mai cappelli se non in alta montagna quando le temperature scendono al di sotto dello zero ;)
    Punto 9) Di décolleté nere sono ben fornita... ne ho 3 paia per le occasioni più disparate: basic (in morbido camoscio), eleganti (in camoscio con fiocco laterale in pelle) e fashion (sempre in camoscio con miniborchiette in metallo).
    Punto 10) La borsa in pelle di buona qualità è irrinunciabile!
    Il mio personalissimo top è la Coco Noir :o) ma adoro anche le borse testa di moro, rosso rubino e color pesca (che riservo alla bella stagione).
    Ho scritto un poema, ma ne valeva la pena ;)

    RispondiElimina
  5. Cara Martina,
    il mio stile invernale è piuttosto semplice, direi quasi austero, anche perché a prevalere è il nero.
    Amo molto indossare i pantaloni, anche in nome della comodità e della praticità, ma prediligo quelli a palazzo. Ai cardigan preferisco le giacche, di velluto e lana, nelle fogge più disparate. La camicia bianca è un capo a cui non rinuncio proprio e, comunque, scantonando dal bianco e dal nero, uso rigorosamente tinte unite, mai fantasie… Mio vezzo sono le camicie con i gemelli e le camicie in pizzo. Non ho gonne, ma abiti lunghi in lana, il mio preferito è una tunica avorio del Marchese Coccapani, comprata non so quanti anni fa; quando la indosso mi sento una sorta di moderna sacerdotessa pagana e come tale non posso fare a meno di abbinarla ad un lungo mantello in loden che io definisco "stregonesco", ma che in realtà proviene da un negozio d'equitazione. Amo i cappotti lunghi, monopetto che quindi posso più facilmente indossare sbottonati, talora accompagnati da sciarpe distrattamente appoggiate al collo così che scendano in tutta la lunghezza (specie se di seta e frangiate). Sciarpe e cappelli sono la mia passione. Ancora una volta capelli a tesa media, maschili; in alternativa la cloche quando voglio essere più elegantina. Ora, cara Martina, resta seduta e non svenire, adoro anche gli anfibi, come i Cult, e spesso li abbino a chiodo e jeans, ma odio gli skinny, quindi cerco quelli che terminano leggermente a zampa. Borse: concordo appieno con te riguardo all'avversione per i loghi ed i modelli "squillanti"… ho una predilezione per i bauletti e comunque per le borse da portare a mano, anche se ammetto che sono scomode quando si tratta d'andare per negozi… Sono distratta, le appoggio e sono capace di dimenticarle, con scene demenziali tipo commesse che m'inseguono, o il barista che se la ride e fa battute quando, dopo qualche minuto, ritorno sui miei passi. Dimenticato qualcosa? Sicuramente, e non solo per via dell'ora… ; )

    RispondiElimina
  6. ...Perfezione assoluta! Ottima scelta dei capi, perfetti i dettagli, e stupende le foto che hai scelto.. sempre raffinata ;)

    RispondiElimina
  7. Buona Domenica mie care!
    ♥ Magù dall'ago fatato, indispensabile una buona base per poi permettersi, come fai tu, vezzi e particolarità negli accessori. La sola base è decisamente noiosa :)

    ♥ Silvia, sono contenta che ti piaccia la mia lista :) Vedrai che pian piano riuscirai a costruirti un signor guardaroba, l'importante è privilegiare sempre la qualità e non la quantità.

    ♥ Susi, "la donna che veste in verde è sicura di sé" dice la mia nonna, un colore bellissimo che dona a poche (sei fortunata! ) Devono essere meravigliosi sia il tubino in raso che la simil Kelly stampato cocco. Voto ovviamente, per partito preso, la camicia color cipria, così come il bauletto di cuoio invecchiato.. certe borse più son vissute e più son belle! Come la cerchi la borsa rossa?

    RispondiElimina
  8. ♥ MarinaD, perfetti anche i bustier ed i body eleganti, ognuno sceglierà ciò che trova più comodo, è un affare decisamente intimo per l'appunto :) L'idea, che tu hai afferrato, è di non lasciarsi andare a goffe stratificazioni solo perchè fa freddo ma far sì che ogni strato sia elegante e coerente col resto, a partire dall'intimo :)
    Le tue pashmine sono ormai un segno distintivo :)

    ♥ Lia, non ci crederai ma non son svenuta nel leggere di anfibi e chiodo :) Avendo un passato rock-dark alle spalle non disdegno questi capi, ma ora preferisco stemperarli con dettagli romantici. Ad esempio il chiodo in pelle nera ha un aspetto del tutto nuovo se abbinato, ad esempio, ad una morbida sciarpa ampia in cashmere panna fermata con una spilla antica. Oppure, per la bella stagione, ad abiti in chiffon pastello. Il contrasto rende l'insieme particolare ed unico. I bauletti li adoro anch'io, i maestri della pelle fiorentina fanno anche una piccola tracollina da porre alle estremità.. è meno chic di portarlo a mano ma così forse eviterai di dimenticarlo in giro ;)

    ♥ LaJolie, è la traduzione del tuo nick e non sono forse originale, ma tu sei sempre tanto carina! So che ami molto anche tu questo foto d'epoca..soprattutto quando il soggetto è la meravigliosa Audrey, vero? :)

    RispondiElimina
  9. Martina ho ben presente il modello di borsina che intendi, a Torino le vendeva in mille declinazioni cromatiche il mio stra-amato negozio "I Santi", purtroppo ha chiuso dopo anni di onorato servizio. Quando ho visto cosa hanno messo al suo posto, mi sarei messa a piangere, è come se avessero chiuso Tiffany ad Holly Golightly! :(
    PS: Sto seriamente considerando i tuoi consigli : )

    RispondiElimina
  10. Marti ottimi suggerimenti, specie la borsa "in colore" che può dare luce a un cappotto nero o blu, gli accessori colorati (osate anche le scarpe e gli stivali oltre a borse, cappelli, guanti e sciarpe) "risollevano il morale" anche di un outfit sottotono o un pò anonimo... e ricordate che la cipriaretroista non segue la moda ma la precede....

    RispondiElimina
  11. Cara Lia condivido il tuo sconforto.... I Santi, storico artigiano-artista, un pò dappertutto succede lo stesso, attività ad alto conuto e valore artistico e artigianale e negozi storici sono costretti a chiudere (i casi eclatanti della Libreria Cappelli a Bologna e di Gay Odin a Napoli salvate a stento sono emblematici). Come cittadini dovremmo fare di più per evitare che queste cose accadano, ricordiamo cosa disse Pasolini, sempre profetico: "quando saranno scomparsi l'ultimo contadino e l'ultimo artigiano sarà finita anche la nostra civiltà"

    RispondiElimina
  12. Martina cara , sul fatto "di essere sicure di sè " la tua nonna ha super ragione ! Ho un cararttere deciso ..se entro in un negozio so già cosa voglio ,non stò a tentennare .Ovviamente ,sono decisa e determinata anche su altri aspetti della mia vita.
    Il verde mi stà bene ,perchè essendo rossa di capelli mi dona. Ma certamente , NON TUTTI I TONI DI VERDE !!! I verdi che amo e che indosso sono il bosco,salvia,muschio,oliva e ascenzio,smeraldo. Abolisco il verde bandiera e il verde prato ,troppo squillanti e difficilissimi da indossare . La borsa rossa che stò cercando deve essere una maxi bag in vernice o rosso valentino oppure un bauletto sempre nelle stesse nuance,ma non con le forme rigide .Ne ho indocchiati alcuni modelli nelle riviste..ma cerco di trovare la versione low cost! ;) :) Susy

    RispondiElimina
  13. Non manca nulla nel tuo post (come anche nel mio armadio).

    Ho davvero adorato questo post.

    http://nonsidicepiacere.blogspot.com

    RispondiElimina
  14. ♥ Lia ed Annita, non sapete quanto soffro quando vedo simili perle d'artigianato chiudere.. a Modena c'era un meraviglioso negozio in piazza grande che vendeva filati ed aveva sempre delle bellissime bambole di pezza in vetrina, ora c'è l'ennesimo negozio di telefonia mobile. :(

    ♥ Susi, è una bella qualità la consapevolezza dei colori che più ci donano, la tua ancor di più perchè ne conosci le sfumature del tuo amato verde. :)
    Se vedo qualche bella borsetta scarlatta in giro ad un prezzo gentile ti faccio sapere!

    ♥ NonSiDicePiacere, anche il tuo guardaroba al completo.. très bien!

    RispondiElimina