Elizabeth Taylor

Make up Anni 50

domenica, dicembre 11, 2011

Rimango sempre ammaliata dai volti delle Dive Anni 50: incarnato di porcellana, labbra rosse perfette, eyeliner noir, lunghe ciglia a ventaglio, gote rosate… evocano un immagine morbida e gentile, di una donna angelo, custode del focolare domestico, perfettamente in linea coi valori del tempo.



Ho chiesto alla mia amica Marina, meglio conosciuta come MarinaD, elegante beauty editor e beauty consultant di successo, di svelarmi i segreti per ottenere un Make Up Anni 50 più moderno da declinare ai giorni nostri.


♥ MarinaD, come si ottiene un trucco così sofisticato, senza cadere nell’effetto maschera, per le ore diurne?

Per il giorno, consiglio palpebre “nude” (definite unicamente da tratti sottili di eyeliner e generose passate di mascara), da abbinare a deliziose labbra scarlatte… colorate in trasparenza.
Come ottenerle? E’ facilissimo! Basta la complicità di un impalpabile gloss red passion!


♥E per la sera cosa ci proponi?

Per la sera si possono osare colori più saturi e brillanti…
Via libera dunque a palpebre color tortora / taupe da incorniciare con tratti decisi di eyeliner (dall’inconfondibile forma ad ala di gabbiano) e scenografici ventagli di ciglia noir.
La bocca - perfettamente definita da una matita ton sur ton - si accenderà di un rosso intenso, luminoso e vibrante.

Idea concettuale del make up anni 50 in versione moderna












Make up anni 50 di dive contemporanee, per le bionde la sensuale Scarlett Johansson, per le brune l'intrigante Dita von Teese.























Ringrazio MarinaD per la sua preziosa consulenza. Se avete dubbi, domande, perplessità sul mondo del maquillage potete andare a trovare MarinaD sul suo blog:

I segreti del maquillage by MarinaD



You Might Also Like

12 commenti

  1. Ciao ragazze! Quanto mi piace questo trucco, peccato che me lo sia immaginato sulla mia faccia con tutti i limiti (estetici e mentali) che ne derivano... Ad esempio, amo l'efasi data agli occhi, soprattutto quando le palpebre sono lasciate "nude" e tutto si gioca su un sapiente uso di mascara ed eyeliner, ma (uccidetemi, dai, uccidetemi!) se quell'ala di gabbiano la pronunciassi un tantinino meno? E poi, chi non ha la fortuna di labbra carnose come quelle delle modelle in questione, può comunque permettersi un simile punto di rosso?
    Ultima domanda (giuro!), per una simile pelle di porcellana, oltre ad un fondotinta molto chiaro, giova l'uso di un concealer come "Touche éclat" di Yves Saint Laurent o, e questo m'intriga ancora di più, come "Teint miracle touch corrector" di Lancôme? A dire il vero sono dibattuta tra questi due acquisti e necessito assolutamente del vostro consiglio!!! :P

    PS: Marina potresti sguinzagliarmi da quell'arrogante tuttologa della Rinascente, quella con i baffi ed il rossetto sui denti: posso essere terribile con tutte le mie perplessità, dubbi, domande, chiarimenti... Potrei anche ridurla alle lacrime, perché decisamente so come sfinire le persone (è una dote naturale!)... immagino ve ne siate già accorte! ;)

    RispondiElimina
  2. Che look splendido, il mio preferito in assoluto. Incarnato lunare e labbra scarlatte.
    La ragazza bionda è semplicemente incantevole, con una pelle così delicata.
    Peccato soltanto che realizzare un tratto così perfetto, con l'eyeliner, almeno per me non è sempre semplicissimo. Col rossetto me la cavo meglio!

    Buona serata cara Martina!

    RispondiElimina
  3. La diva marilena e la bellissima Liz Taylor sono fantastiche donne meravigliose con una bellezza da mozzare il fiato !! Mentre le ultime due foto sono brutte orrende e aggressive... La bellezza di.marilena e di Liz e tutta un altra cosa.... Ciao Luca

    RispondiElimina
  4. @Lia, la linea ad ala di gabbiano è una questione assolutamente soggettiva: può essere grafica (come nella foto), sottile (quasi impecettibile) o non esserci per nulla... è questione di tipologia, gusti, stile :)
    Anche la scelta della tonalità di "rosso" è assai soggettiva, dipende infatti dalla tipologia cromatica di appartentenza... il rosso fuoco dona prevalentemente agli incarnati dorati/ambrati, mentre le pelli fredde dovrebbero optare per rossi con all'interno una punta di blu come il rubino, il ciliegia, il bordeaux :)
    Detto questo, per un sofisticato look da giorno ti consiglio un gloss rouge, che accenda il sorriso, ma in trasparenza :)
    Infine, per un incarnato davvero impeccabile basta l'abbinata di primer, fondotinta/correttore e cipria.
    I prodotti di cui parli, più che correttori, sono illuminanti. Servono infatti a illuminare lo sguardo - rendendolo più fresco e riposato - più che a correggere aloni blu e discromie cutanee. Pertanto, è sempre buona norma "correggere" prima con un velo di correttore e poi, eventualmente, dare un tocco di luce strategico con l'illuminante.
    Sperando di aver soddsfatto tutte le tue curiosità, ti aspetto su "I segreti del maquillage by MarinaD" per ulteriori chiarimenti! :)
    Marina

    RispondiElimina
  5. Grazie infinite Marina, sei stata davvero preziosa ed hai risposto in modo chiaro ed esauriente al mio dubbio sull'uso dei sopra citati illuminanti che, da una commessa, mi erano stati spacciati come semplici correttori a pennello... :)
    Verrò sicuramente a trovarti nel tuo blog dove, con molto piacere ed interesse, curioso già da tempo! :)

    RispondiElimina
  6. Buongiorno!

    *Lia, ho visto che Marina ti ha già risposto perfettamente. :) La linea d'eyeliner è, come ti ha giustamente detto lei, molto soggettiva. Lei a me ha consigliato una linea molto sottile (con sfumatura ad hoc sotto) ed è in effetti la migliore nel mio caso. Sulle labbra sottili a me il rossetto rosso non dispiace, anzi, trovo che sia più adatto a questa prima categoria rispetto a chi ha labbra molto carnose. Io, che appartengo alla categoria di labbra polpose, non mi vedo con rossetti così importanti, e preferisco utilizzare gloss lampone, MarinaD docet! :)

    *Silvia, con l'eyeliner è solo questione di pratica, io prediligo le versioni in stylo che sono più semplici e parto dall'esterno verso l'interno, e completo solo all'ultimo la piccola codina. Nel caso proprio non riuscissi vi sono delle matite per occhi waterproof retrattili con temperamatite, la mia preferita è quella di Chanel (la trovo qui: http://www.chanel.com/it_IT/fragranze-cosmetici/Maquillage-Matite-Eyeliner-STYLO-YEUX-WATERPROOF-94887). L'effetto è molto bello,ma ovviamente molto diverso dall'effetto grafico che si crea con l'eyeliner. Se vai nel blog di MarinaD sono sicura che lei ti darà una lezioncina ad hoc sull'uso dell'eyeliner. :)

    *Luca, le prime due immagini sono foto originali di due grandi dive degli anni 50 con una luce morbida e soffusa e sono foto “ispirazioni”. Le altre due sono invece immagini che definirei “concettuali” volte a comprendere il make up. Non era previsto un confronto tra tipologie di foto che non hanno niente in comune. Trovo che le immagini make up scelte da MarinaD siano molto azzeccate per capire com'è mutato il significato del trucco contemporaneo e non le trovo né brutte né volgari. Ad ogni modo, visto che forse non è comprensibile a tutti, ho diviso le due fotografie, e MarinaD è stata così gentile da inviarmi anche due foto di dive contemporanee. Come puoi ben notare, è un make up che può essere elegante e ben applicabile anche oggi.

    *MarinaD, grazie per la tua consulenza anche qui nel salottino! E grazie infinite per la tua (ormai leggendaria) santa PAZIENZA. :)

    RispondiElimina
  7. Buongiorno, Marti!
    Ecco un ulteriore "trucchetto" per Silvia!
    Per facilitare la stesura dell'eyeliner, basta delinerare la palpebra con un tratto di matita nera prima di procedere con l'eyeliner.
    In tal modo si avrà una sorta di "linea guida" e il pennellino scivolerà molto meglio (nella direzione giusta) ;)

    RispondiElimina
  8. Che post interessante!
    Adoro il look di Dita Von Teese, la pelle di porcellana e la sua innata classe ne fanno un'icona moderna.
    @MarinaD: ottimo suggerimento quello di fare prima la linea con la matita e poi "ricalcare" con l'eyeliner ;)
    Un saluto
    G.

    RispondiElimina
  9. Mille grazie Martina e MarinaD per i vostri preziosi consigli, ne farò tesoro!
    Alle volte pure io partico con una linea tracciata a matita per poi "ricarlcarla" con l'eyeliner, ma da un pò di tempo a questa parte ho perso questa sana abitudine...dovrò riprenderla!
    Un caro saluto
    A presto

    RispondiElimina
  10. Cara Martina,
    che post raffinato!
    Adoro questo tipo di trucco. Di quegli anni mi piace molto anche l'hair-style. Per farti capire io vorrei rinascere e potermi truccare e pettinare come la protagonista di Pearl Harbour: rossetto rosso e onde nei capelli, che meraviglia!

    RispondiElimina
  11. Vorrei seguire i consigli di Marina per il make up da giorno! Labbra scarlatte magari abbinate ad un look retrò!
    Meraviglioso post Marti!
    Mari

    RispondiElimina
  12. Marti, post assolutamente interessante e costruttivo , me lo sono già stampato e inserito nell'agenda !!
    Grazie cara !

    Tanti auguri per un sereno Natale !
    un bacione

    http://memyselfandanautumnday.blogspot.com

    RispondiElimina