casa

Cupcakes

mercoledì, gennaio 18, 2012

Poco prima che si chiudesse l'anno, il 30 dicembre, ho avuto il piacere di ospitare nella mia dimora il consueto Tea Party tra amiche. Per l'occasione, tra le tante cose, ho fatto uno dei dolcetti che preferisco per quest'occasione: i cupcakes! La ricetta è della fantastica Csaba dalla Zorza, virtuosa foodwriter fautrice di una cucina elegante che non manca di lezioni d'arte del ricevere e galateo. Oltre alle diverse pubblicazioni, la trovate con meravigliose lezioni su Sky (canale Arturo o Alice).

Ed ecco a voi la ricetta dei deliziosi e scenografici Cupcakes!


Ingredienti per 16 tortine:

* 185 g di burro ammorbidito
* 170 g di zucchero semolato finissimo
* 1 cucchiaino di estratto di vaniglia naturale
* 3 uova
* 125 g di farina autolievitante
* 30 g farina
* 125 ml di latte

Per decorare:
* 500 gr di glassa già pronta (ma voi non la comprate pronta vero? Suvvia è facilissima!--> 185 g zucchero a velo, 1 bianco d'uovo, 1 punta di succo di limone.

Procedimento:

Riscaldare il forno a 180° e rivestire 16 stampini per muffin con i pirottini di carta.
Sbattere il burro con lo zucchero e la vaniglia usando le frustre elettriche fino ad ottenere un composto soffice e cremoso. Unire le uova, uno alla volta, sbattendo bene prima di unire il successivo. Setacciare assieme le farine e incorporarle al composto alternandole al latte. Distribuire l'impasto nei pirottini (non più di metà, devono rimanere piatte); infornare le tortine per 15 minuti, finchè uno stecchino infilato al centro ne esce pulito, quindi trasferirle su una griglia di metallo a raffreddare.
Poi decorare con la glassa ed aggiungere, a piacere, frutti di bosco, codette di zucchero multicolore, palline d'argento, fiorellini di zucchero.
L'ultima volta ho optato per i ribes rossi, per creare un particolare contrasto tra il gusto acidulo del frutto e la glassa molto dolce.
Post scriptum- Per quest'occasione, vista la presenza di una ragazza celiaca, ho sostituito la farina con la fecola: l'impasto è un po' più difficile da gestire ma il risultato è ottimo lo stesso. :)

You Might Also Like

14 commenti

  1. Scenografici & Invitanti... devono essere anche squisiti! *.*
    Prima o poi li preparerai anche in occasione un té insieme, Marti? ;)

    Ps. Non sono riuscita a commentare il post sul cappotto aragosta:
    Audrey lo indossava divinamente... e sono sicura che starà d'incanto anche a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mari, spero davvero di avere l'occasione di farne a dozzine di dolci e dolcetti per un nostro tè ;)
      ps- io non lo indosso certo come Audrey il cappotto arancione ma mi diverte molto :)

      Elimina
  2. Buonissimi e bellissimi! Da mangiarsi in primis con gli occhi! Una simile tavola è una coccola che soddisfa tutti i sensi...
    Piccolo trucco (provare per credere) di cui non so fornirti una spiegazione fisica, ma muffin e simili, se cotti al microonde, rimangono automaticamente con la superficie piatta! Di solito io faccio 300 watt per tre minuti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lia, la mia esperta di microonde, campo in cui sono totalmente negata: sono riuscita a far scoppiare delle povere castagne ovunque con tanto di fulmini e saette.. per me quell'ordigno è diventato la rappresentazione del male, lungi da me tentare, ma ti sarei grata se, talvolta, quando propongo ricette fossi così cara da aggiungere il tuo metodo "contemporaneo" che può essere da spunto per molti!
      Questa tavola sarebbe proprio da ingrandire.. sai che bello un Tea Party Cipria Rétro in grande? :)

      Elimina
    2. Ma dai! :) Vuoi dirmi che sei ricorsa ad un esorcista per liberare il temibile ordigno dalla possessione?!?
      Martina cara, non sopravvalutare la mia conoscenza del suddetto strumento di cottura/tortura: credo solo di essere stata più fortunata di te nel non aver ancora combinato guai di una certa portata... Ma quell'«ancora» ti inviti a non perdere le speranze! :)
      Diciamo che la mia cucina, a volte, si trasforma in un piccolo laboratorio alchemico e, tra vapori, scintille, detonazioni (vicini perplessi, inquietatati, allarmati, terrorizzati...) e nuvolette rosa, mi dedico alla sperimentazione! Questa è la fortuna di non avere alle calcagna una mamma che ti minaccia di morte se le metti in disordine la cucina!
      Un abbraccio forte :)

      Elimina
    3. che meraviglia la cucina con le nuvolette rosa :)
      Una mamma iper-ordinata è in effetti un grande elemento di disturbo.. quando mi diletto nella sua cucina infatti sto ben attenta che non ci sia :)

      Elimina
  3. Ciao Martina,
    che spettacolo...brava, clap, clap è il mio applauso per te.
    Ti leggo sempre volentieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Arianna, grazie di cuore per i complimenti! :)

      Elimina
  4. Deliziosi... io so di cosa parlo! La nostra Marti ha veramente creato un'atmosfera dolcissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara zia, ma è facile con ospiti come te :)

      Elimina
  5. Ecco mi è venuta voglia di provarli, nei cupcakes ancora non mi sono cimentata...
    Certo che le tue amiche sono fortunate! A me capitano sempre torte o biscotti confezionati... :( (se non l'odiato panettone!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Simona, perchè non "istruire" le tue amiche con le tue prelibatezze? Ormai sei un'esperta di cucina! I cupcakes li devi provare, non sono difficili e sono carinissimi. :)

      Elimina
  6. La ricetta è davvero molto invitante e visto il tuo eccellente risultato credo proprio che la proverò. Complimenti ancora per il tuo delizioso blog.
    A presto, Alice

    laparigidimariaantonietta.blogspot.com

    RispondiElimina
  7. Grazie Alice! I cupcakes sono dolcetti deliziosi, vedrai! :)
    A presto! ;)

    RispondiElimina