ecologia

Pillole di Bon Ton Eco: aiutiamo gli uccellini

lunedì, febbraio 20, 2012



Oggi inauguro una nuova rubrica di “pillole di Eco Bon Ton”: dei rudimenti dell’Eco Bon Ton avevo già parlato, ma trovo importante continuare a parlare dei tanti accorgimenti che possiamo mettere in atto per vivere in modo consapevole rispettando la Natura e dandole anche un aiuto quando è necessario.

In Inverno ricordarsi dei piccoli uccelli che faticano a reperirsi il cibo: esponete una mangiatoia con semi misti, frutta fresca e secca, croste di formaggio, arachidi senza sale, pezzetti di grasso e carne”

Con le temperature più rigide, soprattutto quando il terreno è ricoperto dalla neve, per i piccoli volatili scovare da mangiare diventa un’ardua impresa; sul sito dell’Enpa vi sono tutte le dritte per aiutare gli uccellini costruendo la mangiatoia perfetta dove metterete: frutta molto matura e secca, arachidi senza sale, semi misti, uva passa. Nei periodi più freddi ben vengano anche gli “scarti” di cucina come: lardo, panettone, piccoli pezzettini di carne e poco cibo per cani e gatti. Alcuni cibi invece, come pane ed uova, non sono adatti per gli uccelli e NON vanno messi nella mangiatoia perché non contengono i valori proteici necessari alla corretta alimentazione e al buon sostentamento degli uccelli. Possibili menù :
CINCIALLEGRE: arachidi non salate;
PICCHI: carne cruda;
PASSERI e MERLI: briciole di dolci e piccole granaglie;
MERLI e PETTIROSSI: croste di formaggio tagliate a piccoli cubetti;
TORDI, STORNI e PETTIROSSI: frutta fresca;
FRINGUELLI e CAPINERE: semi di girasole, fiocchi di cereali, dolci sminuzzati.
Una ricetta speciale soltanto per quando fa molto freddo e nevica:
“La Palla di Babbalù”
Ingredienti: 100 grammi di margarina, 70 grammi di farina 00 o farina gialla, uva sultanina a piacere, semi misti un pugno, frutta secca a pezzetti, briciole di dolci. Mescolare il tutto creando una palletta e lasciare a riposare in una terrina in frigo. Quando il composto sarà solidificato, potete appenderlo con uno spago come fosse una pallina dell’albero di Natale, da cui il nome.
Ricordatevi di essere costanti nell’esposizione del cibo perché la mangiatoia diventa un punto di riferimento importante per gli uccelli, e di diminuire le dosi man mano che si avvicina la Primavera: gli uccelli mutano l’alimentazione privilegiando gli insetti con cui nutrono anche i piccoli. A Primavera invece la mangiatoia va sospesa poiché vi sono fonti alimentari sufficienti.
Per saperne di più sull’argomento:

You Might Also Like

17 commenti

  1. Lo faccio tutti gli anni! Adoro vedere gli uccellini che volano sul mio balcone mentre sono in casa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piperpenny da annoverare tra i pregi dell'aiutare gli uccellini anche il "birdwatching" ;)

      Elimina
  2. Dato che sono del settore trovo questa rubrica particolarmente interessante! :)
    Mari

    RispondiElimina
  3. A Genova abito dove osano le aquile (metaforicamente parlando), quindi niente mangiatoia altrimenti veniamo assediati da gabbiani e rondoni.
    Ma in montagna il balcone più piccolo viene puntualmente allestito come ritrovo per i passerotti affamati durante le gelide giornate d'inverno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalle tue parti il 18 Marzo la Lipu organizza il "Biancone day" http://www.lipugenova.org/
      dev'essere meraviglioso poterlo vedere dal vivo ;)

      Elimina
    2. Conosco bene il Parco del Beigua, Marti...
      E nella bella stagione spesso si possono ammirare splendidi rapaci in volo :)

      Elimina
  4. Oh, oh....ho sbagliato :(
    Io ho messo solo del pane sul terrazzo!! Ti ringrazio per questo dolcissimo post
    mi serve moltissimo. Da domani provvederò a preparare del mangime più adatto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Arianna, non ti preoccupare, mettere le briciole di pane è la cosa più naturale che viene da fare, non siamo mica tutti ornitologi ;) Ora oltre a dolcetti francesi potrai sbizzarrirti anche con pappe per passerotti & co. ;)

      Elimina
  5. Anche io lo faccio da sempre, negli anni duri come questo lascio anche qualche pizzico di mangime per pesci rossi (lo trovate pet shop)per i pennuti insettivori, sempre nei pet shop si trova il panìco (una pallina di Babbalù più rustica) già fatto per cipriarétroiste very busy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zietta tu dovresti andare nel pet shop che hai sotto casa a far conferenze ;)

      Elimina
  6. Ben fatto Marti , davvero un' ottima pensata , ma nel mio piccolo lo sto già facendo , quando mi avanza qualcosa lo metto nel giardino !!
    Dovrei solo attrezzarmi con una piccola casetta a mangiatoia ..

    un bacio

    http://memyselfandanautumnday.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caffellattina brava! nei link dei siti sopra trovi il modo per fare la mangiatoia handmade.. zero spese ;)

      Elimina
  7. trovo le tue informazione deliziosamente attente e delicate...grazie per gli spunti....Marika

    RispondiElimina
  8. Piacevole ed utile prendersi cura di questi piccoli amici che ci ringrazieranno con allegri cinguettii e leggiadre evoluzioni!
    ... A dirla tutta però, c'è il piccolo scotto dei "ricordini" da pulire... Pertanto, contribuisco sì alla causa, ma in giardino! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, loro hanno la toilette libera ;) I merli che vengono da me devo dire che sono anche piuttosto educati.. pennuti bon ton! ;)

      Elimina