croco

Modena in fiore-parte 3

venerdì, marzo 23, 2012

Ultimo appuntamento del reportage fotografico di "Modena in fiore": iniziamo con questo stand di viola vestito, la protagonista indiscussa? La lavanda!
Splendida posizionata in questa étagere angolare,
Preziosa come sempre nei sacchettini: oltre ad essere un piacevole profumatore per gli armadi è anche un buon antitarme;


o in versione spray o in olio essenziale per gli usi più svariati
Ed ora, in vista del fine settimana, siete pronte ai consigli dei fiori?

Il narciso ci ricorda di amarci e di prenderci cura di noi stesse,
le rose rosa di curare le amicizie e gli affetti,

Il garofano rosa di dimostrare la tenerezza,
I croco di godere di una giovinezza spensierata....

e le viole?
Un pensiero, a chi volete voi!Felice fine settimana mie belle cipriaretroiste! Grazie di cuore per essere sempre così numerose e presenti, anche con le vostre luminose mail, grazie grazie! :)

You Might Also Like

6 commenti

  1. Adorabili ed elegantissimi i sacchettini di lavanda...
    I boccioli delle rose rosa sono i miei preferiti (insieme alle orchidee... sofisticate, maestose e sensuali).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MarinaD, anche a me piacciono tanto i sacchettini di lavanda, ne sto preparando diversi per il cambio armadi. ;)

      Elimina
  2. Che il croco sia un invito alla giovinezza spensierata in risposta all'uso presso le sepolture che ne facevano gli antichi Greci e Romani?! :) Comunque, inno alla vita o delicato pensiero che accompagni con grazia i trapassati e ne adorni i sepolcri, trovo questo fiore particolarmente bello, forse perché cresce spontaneo nei campi, come il mio amato rosolaccio...
    Mi piacciono molto anche i garofanini, ma nella declinazione più intensa del fucsia... A quanto pare ho una particolare simpatia per i fiori spontanei, tanto da preferirli ai più blasonati cugini di serra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lia cara il croco ha in effetti tantissimi significati, persino "amore sensuale e passione" (Omero racconta che il talamo di Giunone e Giove era ricoperto di una moltitudine di fiori e tra questi vi era il croco. ;)
      I fiori spontanei hanno un'energia ed una bellezza diverse, quasi racchiudessero il sollievo della libertà ;)

      Elimina
  3. Marti delizioso tutto quel lilla! Giusto Lia, anche secondo me niente può eguagliare la grazia di un campo fiorito di erbe spontanee. Croco, narciso e viole per gli antichi erano collegati a Persefone, con il duplice valore di Primavera e risveglio della vita e successivo, ciclico esilio nel regno dei morti per sei mesi all'anno:
    «Sotto l'urania rugiada
    quivi continuo fiorisce
    di bei corimbi il narcisso
    delle Magne Dee molto antica
    ghirlanda, e ‘l croco aureo splendente» (D'Annunzio)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Zia, grazie come sempre per il prezioso contributo! Potessero vedere, le cipriaretroiste, le meraviglie del tuo terrazzo!

      Elimina