fiori

Guastalla, piante e animali perduti: parte 1.

lunedì, ottobre 01, 2012


Sabato  mattina io e la Zia Annita abbiamo sfidato la pioggia per recarci  a Guastalla dove si teneva la XVI edizione di “Piante e animali perduti”, mostra mercato di varietà tradizionali di frutti, fiori, ortaggi, sementi e razza rurali e di prodotti eno- gastronomici biologici tipici e dimenticati. 
Naturalmente non è mancato il reportage per le cipriaretroiste! Inizia oggi il racconto  a puntate di questa bellissima mattinata, piena di colori, profumi, tesori del passato da preservare, personaggi incredibili e animali di una tenerezza unica.
Ovviamente non posso esimermi dal ringraziare di cuore la zia Annita che con i suoi racconti sa rendere speciale anche il viaggio più semplice: contro il sistema dell’iper velocità, assaporarsi con calma le stradine di campagna del reggiano, immerse nel verde intenso rinfrescato dalla pioggia è pura poesia.

Le rose imperlate di pioggia
opere d'arte verde

Echinacea
rose, rose e ancora rose.. non mi stancherò mai di fotografarle!
 


nascerà una camelia..



per tipi piccanti...



gelsomino formato gigante del Madagascar.
profumo di lavanda in sacchettini con ricami d'angelo

gufi, micini e ochette custodi di profumatissima lavanda


You Might Also Like

8 commenti

  1. Eccola la zia! Grazie a Martina per il suo réportage, aspetto le altre puntate! Di mio certo posso dirvi che è stato magico tuffarsi (letteralmente visto l'acqua che veniva giù...) in un regno fatato, una fiaba di Perrault, un acquerello (e dai..) di fine '800. Vi abbiamo portato con noi nel pensiero care cipriaretròiste!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara zia, l'unica cosa che manca è il mio ombrello ballerino molesto ;)

      Elimina
  2. Oddio i Gufetti!!! Deliziosii!! ma li fai te???? Bravissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Vaniglia, come puoi leggere sopra è il reportage di una mostra mercato a Guastalla, i gufetti erano di un banco espositore. :)

      Elimina
  3. Marti, stupenda l'opera d'arte verde!
    Mi ha ricordato quelle magnifiche creazioni che propongono all' Euroflora (ogni 5 anni), relizzate con una moltitudine infinita di fiori e piante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mari, chissà che meraviglia l'EuroFlora! Queste manifestazioni sono fantastiche perché danno modo di scoprire varietà di fiori e piante che normalmente non troviamo nei soliti vivai. ;)

      Elimina
  4. Ciao Martina e ciao Annita!
    Sono strabiliata dalle meravigliose foto e dalle splendide ambientazioni. Ma che bella manifestazione! Chissà che alla prossima occasione non riesca a venirci anch'io.
    Grazie davvero e bacini a tutte....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anna, sono passata anch'io da te a vedere le meraviglie di Canneto! Speriamo di incontrarci l'anno prossimo ;) Un abbraccio!

      Elimina